PsicologiBusto

Psicoterapia del bambino


Di cosa si tratta

Sono incontri che avvengono sintonizzandosi con le modalità espressive tipiche dei bambini: il gioco, il disegno e con tecniche psicomotorie.

In questo modo si facilita la possibilità del bambino di esprimere il suo disagio nel modo per lui più naturale.


Cosa tratta

  • Disturbi del sonno (insonnia infantile)

  • Difficoltà alimentari (svezzamento, allattamento, varietà della dieta, regole a tavola)

  • Aggressività (morsi, bullismo e cyberbullismo)

  • Disturbi del comportamento (capricci, isolamento, iperattività, abuso delle nuove tecnologie, dipendenze)

  • Difficoltà di apprendimento

  • Fobie

  • Traumi


Come avviene la valutazione

Il primo colloquio avviene solo con i genitori che possono esporre liberamente le difficoltà che osservano nel comportamento del bambino o della bambina.

Si raccoglierà con il loro aiuto la storia di crescita (anamnesi personale) del bambino/a e la storia familiare (anamnesi familiare) per comprendere meglio la situazione attuale di disagio.


Trattamento

Si utilizzano principalmente disegni, giochi con pupazzi, marionette e plastilina dando al bambino la possibilità di proiettare le situazioni dolorose sul gioco che si sta svolgendo, per favorire l’espressione dei vissuti, ma con una distanza tale da non essere troppo difficile da sostenere emotivamente.

Questi strumenti hanno lo scopo di far rivivere le situazioni problematiche per offrire al piccolo paziente un altro punto di vista o individuare altri schemi mentali che possano portare a una conclusione diversa.

Di fondamentale importanza è il lavoro di discriminazione, riconoscimento ed espressione delle emozioni (alfabetizzazione emotiva) che è difficoltoso per la maggior parte dei bambini ma è la base per qualsiasi lavoro psicologico.

Inoltre, quando necessario, verranno insegnate delle tecniche corporee che servono per modulare (aumentare o diminuire) l’attivazione corporea.

L’autotrattamento è fondamentale per migliorare in modo rapido ed efficace, attenzione, concentrazione, rilassamento, memoria ed elaborazione emotiva.